Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Ente sanitario di prevenzione, ricerca e servizi per la salute animale e la sicurezza alimentare
Presentazione >
+39 049 8084211

Bovini

Bovini

Il comparto bovino nell’ambito della zootecnica italiana è il settore più importante in termini di produzione e numerosità di capi. Dagli ultimi dati ufficiali l’Italia ospita ben 5.592.700 capi bovini in 124.210 aziende. L’Italia ha una posizione di rilievo nell’ambito del settore lattiero caseario mondiale, in cui è il maggior Paese produttore di Formaggi tipici D.O.P. Il numero di vacche allevate è di 1.862.127 di cui il 70% al nord con una produzione di circa 10 milioni di tonnellate di latte.

Il comparto della carne bovina è particolarmente sviluppato in Veneto: è la regione leader a livello nazionale, con una quota produttiva di circa il 25%. Se consideriamo la tipologia del vitello a carne bianca e del vitellone tale quota sale ancora, posizionandosi per il primo a oltre il 27%, mentre per il secondo è intorno al 36% a livello nazionale. In termini di fatturato il valore della produzione ai prezzi di base raggiunge i 480 milioni di euro, terza dopo Lombardia e Piemonte.

La molteplicità di tipologie produttive porta ad evidenziare complesse patologie legate alla produzione. Mentre nel settore della vacca da latte si evidenziano maggiormente le patologie legate alla sfera riproduttiva e alla produzione del latte, il settore della carne presenta problematiche dovute maggiormente all’assemblamento di soggetti di diverse provenienze in ambienti confinati e quindi il manifestarsi delle patologie respiratorie. Infine le patologie che possono interessare il vitello a carne bianca sono prevalentemente patologie enteriche dovute ad una alterazione della consueta dieta alimentare di un ruminante.

Tra le zoonosi che coinvolgono il settore bovino si annovera la brucellosi e la tubercolosi che si evidenziano principalmente nelle regioni del sud Italia. Per quanto concerne le patologie rilevate negli allevamenti intensivi sono per la maggior parte tecnopatie che hanno però una grande importanza per l’aspetto produttivo ed economico.

Attività IZSVe

Presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie vengono svolte differenti attività per il settore bovino. Le attività vengono svolte a scopo diagnostico, di sorveglianza e di ricerca.

Più laboratori specializzati che interagiscono tra di loro, si occupano di particolari problematiche e studiano aspetti specifici della patologia bovina. In particolare:

  • Il Laboratorio di diagnostica clinica di Padova (SCT3) offre alla clientela un servizio diagnostico di base quali l’esecuzione di esami necroscopici ed esami batteriologici e virologici su organi, tamponi, liquidi biologici. Inoltre offre un servizio di assistenza ai medici veterinari del settore della carne (vitellone e vitello a carne bianca) con sopralluoghi in campo, consulenze e risoluzione delle problematiche zootecniche e sanitarie. Il laboratorio offre anche un servizio diagnostico rapido con l’utilizzo di metodiche biomolecolari per le problematiche sanitarie più importanti (IBR, BDV, Neospora, Clamidia ecc.), oltre che svolgere attività di sorveglianza epidemiologica per le malattie sottoposte a piani di controllo ed eradicazione.
  • Il Laboratorio di diagnostica clinica di Vicenza (SCT1) offre alla clientela un servizio diagnostico di base quali l’esecuzione di esami necroscopici ed esami batteriologici su latte, tamponi, liquidi biologici. Inoltre offre un servizio di assistenza ai medici veterinari del settore del latte con sopralluoghi in campo, consulenze e risoluzione delle problematiche zootecniche e sanitarie.
  •  Il Laboratorio di diagnostica clinica e sierologia di Treviso (SCT2) fornisce servizi di diagnostica di base  e batteriologia speciale (identificazione, individuazione di marker genetici di patogenicità, indagini epidemiologiche su base biomolecolare), esegue studi di farmacosensibilità (Kirby Bauer, MIC, individuazione di geni di resistenza) e svolge attività di ricerca (studi di patogenesi di malattie batteriche sostenute da anaerobi, sviluppo di metodi diagnostici innovativi ecc.).
  • Il Laboratorio di diagnostica sierologica e assistenza tecnica di Bolzano (SCT6) offre alla clientela un servizio di assistenza tecnica con sopralluoghi in campo e consulenze specialistiche per i servizi veterinari. Svolge inoltre attività di sorveglianza epidemiologica per le malattie sottoposte a piani di controllo ed eradicazione. Inoltre offre, in collaborazione con il Laboratorio di diagnostica clinica, un servizio di diagnostica di base che comprende l’esecuzione di esami necroscopici, parassitologici e batteriologici su organi, latte, tamponi e altre matrici biologiche. Il Laboratorio di biologia Molecolare di Bolzano offre un servizio diagnostico rapido con l’utilizzo di metodiche biomolecolari per le problematiche sanitarie più importanti (BVDV, Neospora, Febbre Q ecc.).

Malattie e patogeni

Clicca sui link per consultare le informazioni di approfondimento sulle principali malattie dei bovini.

  • Afta
  • Antrace (Bacillus anthracis)
  • Babesiosi
  • Besnoitiosi
  • Blackleg (Cl. Chauvoey)
  • Bluetongue
  • Botulismo
  • Brucellosi
  • BSE
  • BVD
  • Campylobacter fetus
  • Clamidiosi
  • Clostridiosi
  • Congiuntivite infettiva bovina
  • Coccidiosi

  • Coronavirus bovino
  • Criptosporidiosi
  • Diarrea neonatale (Rotavirus, E.coli, Coronavirus)
  • Difterite del vitello
  • Distomatosi epatica
  • Febbre Q
  • Giardiasi
  • Haemofilosi
  • Leptospirosi
  • Leucosi bovina enzootica
  • Listeria monocytogenes
  • Malattia di Schmallemberg
  • Mammillite erpetica bovina (BHV-2)
  • Mastite estiva
  • Mastiti contagiose

  • Micoplasmosi
  • Neospora
  • Pancitopenia neonatale bovina
  • Parainfluenza bovina
  • Parassitosi intestinali, respiratorie e cutanee
  • Paratubercolosi
  • Pseudorabbia
  • Rabbia
  • Rino-tracheite infettiva bovina
  • Salmonella
  • Tetano
  • Tricofitosi
  • Tricomoniasi bovina
  • Tubercolosi (Mycobacterium bovis)
  • Virus respiratorio sinciziale bovino

Ultime news

Linee guida in Veterinaria: la Febbre Q

Linee guida in Veterinaria: la Febbre Q

Nuova edizione per LGInVet - Linee guida in Veterinaria, collana di manuali a cura di Gaddo Vicenzoni, direttore del Dipartimento di patologia…

Leggi tutto >

Linee guida in veterinaria: la Diarrea Virale Bovina (BVD)

Linee guida in Veterinaria: la Diarrea Virale Bovina (BVD)

Nuova edizione per LGInVet - Linee guida in Veterinaria, collana di manuali a cura di Gaddo Vicenzoni, direttore del Dipartimento di patologia…

Leggi tutto >

Addio all'antibiogramma: da gennaio i test di sensibilità agli antimicrobici eseguiti tramite la MIC

Addio antibiogramma: da gennaio i test di sensibilità agli antimicrobici eseguiti tramite MIC

Da gennaio 2017 i laboratori di diagnostica dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie effettueranno il test di sensibilità nei…

Leggi tutto >

Puoi visualizzare tutte le notizie, gli aggiornamenti e gli approfondimenti su questo tema nella sezione “News” del sito, alla pagina News > News per temi > Animali > Bovini

Vai alle news sul tema Bovini »
© Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Viale dell'Università 10, 35020 Legnaro (PD)
Tel: +39 049 8084211 | Fax: +39 049 8830046
E-mail: comunicazione@izsvenezie.it
PEC: izsvenezie@legalmail.it (Guida alla PEC)
C.F. / P.IVA: 00206200289
Protocollo: lun-ven. 9-13 | giov. 9-13 e 14-15.30