Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Ente sanitario di prevenzione, ricerca e servizi per la salute animale e la sicurezza alimentare
Presentazione >
+39 049 8084211

Ovicaprini

Ovicaprini

L’allevamento ovicaprino rappresenta da millenni una risorsa fondamentale per la zootecnia e l’economia sia di montagna che del bacino del Mediterraneo. Il patrimonio ovino italiano è localizzato per il 95% nell’area mediterranea mentre l’allevamento caprino è più tipico dell’arco alpino. La riduzione delle aree disponibili per il pascolo e l’allevamento estensivo legati alla modesta resa economica, hanno indotto gli allevatori a un’evoluzione quantitativa nonché qualitativa di questo settore.

L’allevamento di tali categorie gioca un ruolo fondamentale anche nella gestione e manutenzione del territorio specie montano. Nel Triveneto il comparto dell’allevamento ovi-caprino è particolarmente sviluppato in Alto Adige dove si contano oltre 23.000 caprini e 42.000 ovini suddivisi su più di 4.200 allevamenti (di cui 3.800 promiscui capre-pecore). Particolare importanza ha assunto negli ultimi anni la produzione di latte caprino, sia come latte fresco pastorizzato che la trasformazione di esso in yogurt, burro e formaggi tipici locali.

La molteplicità di tipologie produttive legate alle condizioni tradizionali di allevamento nonché la tipicità della stabulazione promiscua nelle aree montane portano a evidenziare la comparsa di patologie infettive complesse legate alla sfera riproduttiva e alla produzione di latte e carne negli animali adulti. Le patologie respiratorie ed enteriche interessano prevalentemente gli agnelli e i capretti. Le malattie infettive che possono colpire gli allevamenti ovi-caprini sono però molteplici, alcune delle quali sono sottoposte a piani di controllo e eradicazione. Di particolare rilevanza sono le malattie soggette a denuncia e con potenziale zoonosico.

Attività IZSVe

Presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie vengono svolte differenti attività per il settore ovi-caprino. Le attività vengono svolte a scopo diagnostico, di sorveglianza e di ricerca. Più laboratori specializzati che interagiscono tra di loro, si occupano di particolari problematiche e studiano aspetti specifici della patologia ovi-caprina:

  • Il Laboratorio di diagnostica sierologica e assistenza tecnica di Bolzano (SCT6) offre alla clientela un servizio di assistenza tecnica con sopralluoghi in campo e consulenze specialistiche per i servizi veterinari. Svolge inoltre attività di sorveglianza epidemiologica per le malattie sottoposte a piani di controllo ed eradicazione. In tale laboratorio vengono anche effettuate le analisi sierologiche di base nonché le attività specialistiche e di ricerca riguardanti le infezioni da lentivirus dei piccoli ruminanti (SRLV). Il laboratorio offre inoltre, in collaborazione con il Laboratorio di diagnostica clinica (SCT6), un servizio di diagnostica di base che comprende l’esecuzione di esami necroscopici, parassitologici e batteriologici su organi, latte, tamponi e altre matrici biologiche;
  • Il Laboratorio di Biologia Molecolare di Bolzano (SCT6) offre un servizio diagnostico rapido con l’utilizzo di metodiche biomolecolari per le problematiche sanitarie più importanti come ad esempio gli aborti infettivi (Chlamydia, Toxoplasma, Coxiella ecc.);
  • Il laboratorio di sierologia e malattie pianificate (SCT3) offre supporto alla SCT6 per lo sviluppo di analisi sierologiche e la conferma di dati sierologici.

Malattie e patogeni

Clicca sui link per consultare le informazioni di approfondimento sulle principali malattie degli ovini.

  • Agalassia contagiosa (Mycoplasma agalactiae)
  • Antrace (Bacillus anthracis)
  • Artrite encefalite caprina (CAEV)
  • Blue tongue
  • Border disease
  • Botulismo
  • Brucellosi ( melitensis, B. abortus, B. ovis)
  • Clamidiosi (Chlamydia abortus, Chlamydia pecorum)
  • Clostridiosi
  • Coccidiosi

  • Criptosporidiosi
  • Distomatosi epatica
  • Ectima contagioso
  • Febbre Q
  • Leptospirosi
  • Listeria monocytogens
  • Maedi-Visna
  • Mastiti contagiose
  • Micoplasmosi (forme respiratorie, forme genitali)
  • Morel’s disease
  • Parassitosi intestinali, polmonari e cutanee

Ultime news

Addio all'antibiogramma: da gennaio i test di sensibilità agli antimicrobici eseguiti tramite la MIC

Addio antibiogramma: da gennaio i test di sensibilità agli antimicrobici eseguiti tramite MIC

Da gennaio 2017 i laboratori di diagnostica dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie effettueranno il test di sensibilità nei…

Leggi tutto >

Bluetongue e animali selvatici: scheda di approfondimento

Bluetongue: l’impatto sugli animali selvatici e il loro ruolo epidemiologico

Nel mese di settembre 2016 si sono verificati nel territorio del Veneto alcuni casi di Blue tongue, una malattia infettiva dei ruminanti. Il primo…

Leggi tutto >

Lentivirus dei piccoli ruminanti: strategie di controllo nella Provincia di Bolzano

Lentivirus dei piccoli ruminanti: strategie di controllo nella Provincia di Bolzano

I Lentivirus dei piccoli ruminanti (SRLV) sono responsabili di importanti perdite economiche. Nel mondo circolano 5 genotipi (A-E): il genotipo A è…

Leggi tutto >

Puoi visualizzare tutte le notizie, gli aggiornamenti e gli approfondimenti su questo tema nella sezione “News” del sito, alla pagina News > News per temi > Animali > Ovicaprini

Vai alle news sul tema Ovicaprini »
© Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Viale dell'Università 10, 35020 Legnaro (PD)
Tel: +39 049 8084211 | Fax: +39 049 8830046
E-mail: comunicazione@izsvenezie.it
PEC: izsvenezie@legalmail.it (Guida alla PEC)
C.F. / P.IVA: 00206200289
Protocollo: lun-ven. 9-13 | giov. 9-13 e 14-15.30