Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Ente sanitario di prevenzione, ricerca e servizi per la salute animale e la sicurezza alimentare
Presentazione >
+39 049 8084211

Pesci, molluschi e crostacei

Pesci, molluschi e crostacei

L’acquacoltura rappresenta il settore di produzione alimentare in più rapido accrescimento ed è ormai la fonte di quasi il 50% della produzione ittica mondiale. Nel 2012, questo settore ha prodotto 128 milioni di tonnellate di pesce destinato al consumo umano, con una media di 18,4 kg di pesce pro-capite, fornendo a più di 4,3 miliardi di persone, circa il 15% dell’apporto proteico di origine animale.

L’Italia mostra un trend crescente in quest’ambito, sia nel settore dei molluschi che dei pesci, risultando il terzo Paese produttore di molluschi in Europa e il secondo per la produzione di salmonidi. In Italia sono presenti circa 800 siti produttivi di itticoltura (a terra, a mare, valli e laghi salmastri), che producono più di 72.000 t di prodotto ittico/anno. Le regioni del nord-est d’Italia sono quelle maggiormente vocate alle attività di acquacoltura, in esse si concentra il 70% delle produzioni nazionali d’acqua dolce (in particolare l’allevamento della torta iridea) e il 60% della produzione di molluschi bivalvi.

Nel settore ittico alcune malattie di tipo virale (setticemia emorragica, necrosi ematopoietica infettiva, necrosi pancreatica infettiva, nodavirosi) e malattie batteriche (sostenute da Aereomonas salmonicida, Yersinia rukeri, Renibacterium salmoninarum, Flavobacterium spp.) sono di particolare rilevanza, a causa del pesante impatto sulla salute degli animali allevati. In particolari condizioni, soprattutto nel caso di quelle virali, si possono raggiungere infatti elevati livelli di mortalità.

Nei molluschi eduli lamellibranchi le principali malattie di interesse sono di origine parassitaria: Marteilia refringens, Bonamia ostreae e Perkinsus spp. Tali agenti sono protozoi che in condizioni normali non determinano moralità, ma in presenza di concause possono essere responsabili di notevoli perdite. Di recente, anche una virosi, sostenuta da Ostreid Herpes virus ed alcune varianti, sta limitando fortemente l’allevameno di ostriche concave.

La normativa comunitaria, recepita a livello nazionale con il D. lgs. 148/08 in materia di controllo ed eradicazione delle malattie infettive in acquacoltura prevede l’obbligatorietà di una sorveglianza sanitaria nei riguardi di alcune delle patologie sopra menzionate sia dei pesci (setticemia emorragica virale e necrosi ematopoietica infettiva) che dei molluschi (marteiliosi e bonamiosi).

Attività IZSVe

Presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, nell’ambito dell’acquacoltura, vengono svolte differenti attività sia a scopo diagnostico che di sorveglianza e ricerca. Vi operano più laboratori specializzati situati in diverse strutture che collaborano attivamente tra loro per occuparsi delle diverse problematiche ed approfondire i vari aspetti legati della patologia degli organismi acquatici.

Centro di referenza nazionale per le malattie dei pesci, molluschi e crostaceiDal 1994 presso l’IZSVe è istituito il Centro di referenza nazionale per lo studio e la diagnosi delle malattie dei pesci, molluschi e crostacei. Il Centro, in collaborazione con il Ministero della Salute, definisce i programmi di profilassi delle malattie dei pesci e collabora attivamente a programmi di vaccinazione, come quelli contro la lattococcosi dei salmonidi. Inoltre, produce e distribuisce reagenti e prodotti biologici di referenza (linee cellulari, agenti patogeni, anticorpi specifici) agli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS) e ad altri enti di ricerca. Dal 1999 inoltre l’ente ospita anche il Laboratorio di referenza OIE per l’encefalopatia e retinopatia virale. Esso rappresenta uno strumento operativo di elevata competenza nell’ambito delle patologie di questi animali, opera in stretta collaborazione con il Ministero della Salute e con le autorità sanitarie locali nazionali ed internazionali fornendo supporto tecnico-scientifico nella diagnosi, prevenzione e controllo delle malattie degli organismi acquatici e promuove la formazione e l’aggiornamento di tutti gli operatori del settore.

Il Centro è dotato di un acquario sperimentale autorizzato dal Ministero della Salute in cui viene svolta attività di ricerca nelle materie di interesse (studi di patogenesi di malattie virali e batteriche, sviluppo di metodi diagnostici innovativi e sviluppo di vaccini). I diversi laboratori del CRN offrono alla clientela, ciascuno per la parte di propria competenza, servizi di diagnostica di base (necroscopia, batteriologia, parassitologia ) e diagnosi di patologie virali tradizionali ed emergenti. In particolare:

  • presso la sede centrale IZSVe, il Laboratorio di virologia speciale della SCS6 – Virologia speciale e sperimentazione, con la collaborazione del Laboratorio di diagnostica innovativa della SCS5 – Ricerca ed innovazione, si occupa delle problematiche collegate alle malattie virali dei pesci (setticemia emorragica virale, necrosi ematopoietica infettiva, necrosi pancreatica infettiva, nodavirosi) per la diagnosi di base oltre che per attività di sorveglianza;
  • i laboratori della SCT3 – Padova e Adria, oltre a fornire servizi diagnostici di base per le specie ittiche come il riconoscimento di specie, la necroscopia, la batteriologia e l’istopatologia, esegue analisi per valutare lo stato sanitario degli allevamenti di bivalvi nei confronti di malattie contagiose per i molluschi (Marteilia refringens, Bonamia ostreae), ed inoltre esegue gran parte delle analisi per garantire la salubrità del prodotto dal punto di vista alimentare. Tali analisi vertono sulla ricerca di germi di origine fecale come Escherichia coli e Salmonella, metalli pesanti come piombo, cadmio e mercurio e biotossine di origine algale. Relativamente alla qualità del prodotto ittico, effettua anche le indagini genetiche per l’identificazione di specie al fine di individuare eventuali frodi commerciali o sanitarie.
  • i laboratori di Udine e Pordenone della SCT4 – Friuli Venezia Giulia svolgono attività di supporto nella diagnosi di base delle malattie dei pesci (necroscopia e batteriologia) e attività di controllo sulla salubrità di molluschi bivalvi fornendo un supporto tecnico-scientifico e di consulenza agli operatori del settore (veterinari di campo ed allevatori) con particolare attenzione al territorio di competenza particolarmente importante per la troticoltura.

L’attività di questi laboratori è coordinata dal Centro specialistico di ittiopatologia.

Malattie e patogeni

Clicca sui link per consultare le schede tecniche o le informazioni di approfondimento sulle principali malattie dei pesci, molluschi e crostacei.

  • Afanomicosi o peste del Gambero
  • Anemia infettiva del salmone
  • Encefalo-retinopatia virale
  • Flavobatteriosi
  • Foruncolosi
  • Herpesvirus dei ciprinidi
  • Herpesvirus della carpa koi
  • Infezione da Bonamia ostreae
  • Infezione da Marteilia refringens
  • Lattococcosi

  • Linfocisti
  • Malattia dei punti bianchi dei crostacei
  • Malattia della bocca rossa
  • Malattia della porcellana (Thelohania contejani)
  • Malattia della testa gialla
  • Necrosi ematopoietica infettiva
  • Necrosi pancreatica infettiva
  • Nefrite batterica

  • Setticemia emorragica virale
  • Sindrome di Taura
  • Varie malattie trasmissibili dei molluschi bivalvi (Perkinsus olseni, Ostreid herpes virus, ecc.)
  • Varie malattie virali e batteriche di varie specie d’acqua dolce ( pesce gatto, anguilla, storione, ecc)
  • Vibriosi dei pesci e dei bivalvi

Ultime news

MedAID: l'acquacoltura sostenibile nel Mediterraneo si può fare!

MedAID: l’acquacoltura sostenibile nel Mediterraneo si può fare

Incrementare del 20% la produzione sostenibile d’acquacoltura nel Mediterraneo: è questo l'obiettivo a cui puntano la Commissione Europea…

Leggi tutto >

Novimark: conoscere i Novirhabdovirus per la salute di trote e salmoni

Novimark: conoscere i Novirhabdovirus per tutelare la salute di trote e salmoni

La setticemia emorragica virale (SEV o VHS) e la necrosi ematopoietica infettiva (NEI o IHN) sono due fra le più gravi patologie infettive che…

Leggi tutto >

VetBioNet: avviato il progetto per la lotta alle malattie infettive

VetBioNet: avviato il progetto europeo per la lotta alle malattie infettive degli animali

È ufficialmente iniziato a Tours (Francia) lo scorso 4 aprile il nuovo progetto europeo VetBioNet (Veterinary Biocontained facility Network for…

Leggi tutto >

Puoi visualizzare tutte le notizie, gli aggiornamenti e gli approfondimenti su questo tema nella sezione “News” del sito, alla pagina News > News per temi > Animali > Pesci, molluschi e crostacei

Vai alle news sul tema Pesci, molluschi e crostacei »
© Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Viale dell'Università 10, 35020 Legnaro (PD)
Tel: +39 049 8084211 | Fax: +39 049 8830046
E-mail: comunicazione@izsvenezie.it
PEC: izsvenezie@legalmail.it (Guida alla PEC)
C.F. / P.IVA: 00206200289
Protocollo: lun-ven. 9-13 | giov. 9-13 e 14-15.30