Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Ente sanitario di prevenzione, ricerca e servizi per la salute animale e la sicurezza alimentare
Presentazione >
+39 049 8084211

Rabbia

Rabbia

La rabbia è una malattia infettiva causata da un virus del genere Lyssavirus. Questa malattia è una zoonosi, ovvero può essere trasmessa dagli animali all’uomo. Il virus può infettare tutti i mammiferi colpendone il sistema nervoso centrale: poiché non esiste nessuna cura, né per gli animali né per l’uomo, attuabile dopo la comparsa dei sintomi, l’esito è letale nel 100% dei casi se non si interviene tempestivamente dopo la sospetta esposizione.

In Europa la cosiddetta “rabbia silvestre”, ovvero mantenuta da animali selvatici, ha come serbatoio essenzialmente la volpe rossa, anche se nell’Europa orientale il cane procione sta assumendo un ruolo epidemiologico importante. Va ricordata inoltre, nel nostro continente, la circolazione del virus nei pipistrelli insettivori. In altre parti del mondo, invece, il mantenimento della malattia coinvolge anche altre specie quali per esempio il procione, i mustelidi e i pipistrelli insettivori, frugivori ed ematofagi. Non va infine dimenticato che in alcune aree, tra cui principalmente Africa, Asia e America del Sud, a causa della presenza massiccia di cani randagi è ancora presente la “rabbia urbana”, dove il più importante serbatoio del virus è il cane (ciclo urbano).

Nel mondo, soprattutto nei paesi dove ancora è presente il ciclo urbano, si registrano oltre 50.000 casi di rabbia nell’uomo ogni anno.

Come si trasmette la rabbia?
Come si manifesta la rabbia?
Come si previene la rabbia?
Cosa fare in caso di morso o contatto a rischio?

Attività IZSVe

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie si occupa di rabbia già dagli inizi degli anni ‘70, anche in funzione della sua posizione geografica. Dal 2002, presso il nostro Istituto il ministero della Salute ha istituito il Centro di referenza nazionale per la rabbia, che nel dicembre 2012 è stato riconosciuto a livello internazionale con la qualifica di Centro di referenza FAO per la rabbia.

Le attività svolte comprendono:

  • offrire conferma diagnostica di laboratorio per i Paesi beneficiari della FAO, in accordo con i protocolli raccomandati a livello internazionale (Organizzazione mondiale della sanità Animale – OIE);
  • collaborare ad iniziative di sorveglianza e controllo della rabbia, dare assistenza per la definizione di piani di sorveglianza di efficacia vaccinale nei Paesi beneficiari della FAO;
  • mettere a disposizione dei Paesi beneficiari l’esperienza maturata, nell’ambito di formazione e cooperazione allo sviluppo, collaborazione per la diagnosi e la ricerca sulla rabbia;
  • supportare le attività della FAO per il controllo e la prevenzione della rabbia, ad esempio mediante la partecipazione attiva alla Giornata Mondiale della Rabbia;
  • partecipare all’armonizzazione e al miglioramento delle capacità diagnostiche dei laboratori diagnostici, mettendo a disposizione materiali di riferimento ed organizzando test interlaboratorio;
  • condividere con la FAO le informazioni disponibili su vaccini innovativi/nuove strategie vaccinali e sullo sviluppo di metodi diagnostici innovativi;
  • contribuire a studi ecologici nei serbatoi selvatici e domestici;
  • attività di formazione rivolte a veterinari e tecnici di laboratorio sulle tecniche di diagnostica di base.

Diagnosi, sorveglianza e cooperazione internazionale

Il Centro di referenza ha maturato in questi anni esperienza specifica in materia di sorveglianza ed early detection della malattia, coordinamento ed esecuzione delle operazioni di vaccinazione orale delle volpi e relativo controllo dell’efficacia e valutazione degli scenari epidemiologici in rapporto ai dati delle popolazioni selvatiche serbatoio.

In collaborazione con la FAO, il Centro di referenza fornisce consulenza tecnico-scientifica al personale del settore veterinario e medico a livello mondiale. In particolare fornire consulenza sulle tecniche classiche e innovative di vaccinazioni orale di animali selvatici (es. volpi) o domestici (vaccinazione canina nei Paesi in Via di Sviluppo), e consulenza scientifica sulle tecniche biomolecolari e metodi innovativi di caratterizzazione virale (es. pyrosequenziamento). Da dicembre 2010, il Centro di eeferenza FAO per la Rabbia ha fornito supporto tecnico-scientifico ai laboratori veterinari membri del RESOLAB (West and Central Africa Veterinary Laboratory Network for Avian Influenza and other Transboundary Diseases).

Titolazione anticorpi rabbia

Il Centro di referenza si occupa del servizio di titolazione degli anticorpi nei confronti del virus della rabbia per animali sottoposti a movimentazione e persone sottoposte a vaccinazione per motivi professionali o a seguito di esposizione. Ulteriori informazioni e dettagli su questo servizio sono disponibili alla pagina Servizi > Altri servizi > Titolazione anticorpi rabbia.

Vai a Titolazione anticorpi rabbia »

Circuito Interlaboratorio AQUA

Il Circuito interlaboratorio per l’assicurazione della qualità dei risultati (AQUA) dell’IZSVe prevede lo schema “Diagnosi della rabbia” organizzato dal Centro di referenza nazionale per la rabbia. Lo schema prevede l’identificazione dell’antigene virale mediante immunofluorescenza diretta e la conferma diagnostica mediante isolamento virale in colture cellulari. Nell’ottica della riduzione dell’utilizzo di animali a fini sperimentali si chiede la massima collaborazione dei laboratori partecipanti ad afferire al circuito per entrambe le prove. Questa iniziativa è volta al completo abbandono in Italia della prova biologica come metodo di conferma diagnostica per la rabbia. Ulteriori informazioni e dettagli su questo servizio sono disponibili alla pagina Servizi > Altri servizi > Circuito interlaboratorio AQUA

Vai a Circuito interlaboratorio AQUA »

Benessere animale e politica delle 3R

Il Centro di referenza nazionale per la rabbia partecipa allo sviluppo di metodiche alternative all’utilizzo di animali a fini sperimentali mediante l’armonizzazione delle metodiche in vitro per la diagnosi della rabbia sul territorio italiano, e lo sviluppo di metodologie alternative per la valutazione quali-quantitativa delle formulazioni vaccinali antirabbiche. Oltre all’esigenza etica di sostituire il modello animale a favore dell’utilizzo di metodi alternativi in vitro, evidenze di campo hanno dimostrato la superiorità del metodo di isolamento su tessuto coltura, per la mancata standardizzazione e scarsa sensibilità diagnostica del metodo in vivo. Per questo le organizzazioni internazionali hanno da tempo raccomandato di abbandonare quando possibile la prova biologica a favore dell’isolamento virale su colture cellulari.

Per quanto riguarda i controlli sulle formulazioni vaccinali, è stato già raccomandato dalla farmacopea europea quanto meno l’adozione del principio del refinement (ovvero il miglioramento delle condizioni) qualora il test non possa essere completamente abbandonato, come avvenuto finora per le formulazioni contenenti adiuvanti. Tuttavia il Centro di referenza nazionale per la rabbia si è impegnato a sviluppare test di laboratorio estremamente performanti nell’ottica del replacement (sostituzione) degli animali utilizzati a fini sperimentali, . Tali metodiche in vitro sono attualmente in fase di validazione inter-laboratorio.

Situazione epidemiologica

L’Italia attualmente è indenne da rabbia. L’ultima epidemia ha interessato dall’autunno 2008 al febbraio 2011 il nord-est italiano.

Dettagli >

Normativa

Normative e provvedimenti nazionali e internazionali che riguardano la rabbia.

Dettagli >

Pubblicazioni

Le pubblicazioni scientifiche realizzate dal Centro di referenza nazionale / FAO per la rabbia.

Dettagli >

Collaborazioni

Alcune delle organizzazioni con cui ha collaborato il Centro di referenza nazionale e FAO per la rabbia.

Dettagli >

Ultime news

Lotta alle zoonosi e al traffico illegale di animali da compagnia. Il progetto Biocrime

Lotta alle zoonosi e al traffico illegale di animali da compagnia. Il progetto Biocrime

Zoonosi e traffico illegale di animali da compagnia. Sono questi i due grandi temi affrontati da Biocrime, progetto di cooperazione trans-frontaliera…

Leggi tutto >

Corso ECM FAD / Movimentazione a fini non commerciali di animali da compagnia

Corso ECM FAD / Movimentazione a fini non commerciali di animali da compagnia. Reg. (UE) 576/2013 e Reg. (UE) 577/2013

È disponibile sulla piattaforma IZSVe Learning Store dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie il corso ECM "Movimentazione a fini…

Leggi tutto >

Corso ECM / Simposio sulle malattie infettive all'interfaccia uomo-chirottero

Corso ECM / Simposio sulle malattie infettive all’interfaccia uomo-chirottero

Venerdì 23 marzo 2018 si terrà presso la sede di Legnaro (Padova) dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie il corso ECM…

Leggi tutto >

Puoi visualizzare tutte le notizie, gli aggiornamenti e gli approfondimenti su questo tema nella sezione “News” del sito, alla pagina News > News per temi > Malattie e patogeni > Rabbia

Vai alle news sul tema Rabbia »
© Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Viale dell'Università 10, 35020 Legnaro (PD)
Tel: +39 049 8084211 | Fax: +39 049 8830046
E-mail: comunicazione@izsvenezie.it
PEC: izsvenezie@legalmail.it (Guida alla PEC)
C.F. / P.IVA: 00206200289
Protocollo: lun-ven. 9-13 | giov. 9-13 e 14-15.30