Antibiotico-resistenza e antibiotico-sensibilità

Antibiotico-resistenza e antibiotico-sensibilità

Il fenomeno dell’antibiotico-resistenza fa riferimento alla capacità dei batteri di resistere a un eventuale trattamento terapeutico per sopravvivere e moltiplicarsi.

Questo fenomeno rappresenta quindi un evento naturale, ma la sua diffusione, particolarmente accentuata nell’ultimo decennio, è fonte di preoccupazione per le sue implicazioni sulla salute umana e animale.

Una delle cause della diffusione della resistenza batterica agli antimicrobici è stata individuata nell’impiego non sempre oculato dei farmaci ad azione antibatterica, sia in medicina umana che veterinaria.

In particolare, ambienti caratterizzati da elevate densità ed elevata pressione selettiva, ovvero da un uso elevato e continuativo di antimicrobici sono esposti all’insorgenza di geni di resistenza batterica e alla loro rapida diffusione ambientale.

È sempre più evidente, ed è ormai considerato un concetto acquisito, che la resistenza batterica agli antimicrobici rappresenta un problema globale che va affrontato in una logica collaborativa ispirata al concetto di “One-Health”, secondo il quale la salute umana e animale vanno tutelate senza settorialismi e senza prescindere dal contesto ambientale.

Attività e laboratori IZSVe

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) è da tempo impegnato a monitorare, studiare e contrastare la diffusione delle resistenze batteriche agli antimicrobici con diverse tipologie di attività:

  • il monitoraggio dell’antibiotico-resistenza in batteri indicatori e in batteri patogeni per l’uomo e per gli animali al fine di evidenziare e prevenire rischi per la salute umana e animale;
  • la standardizzazione dei metodi di laboratorio, fenotipici e molecolari, per fornire risultati sempre più affidabili e confrontabili con quelli prodotti da altri Istituti ed Organizzazioni sanitarie a livello nazionale e internazionale;
  • la divulgazione dei risultati, attraverso la stesura di report periodici, pubblicazioni scientifiche ed eventi formativi per diffondere conoscenze sull’uso appropriato dei farmaci in ambito veterinario;
  • la quantificazione dei geni di antibiotico resistenza nelle comunità microbiche naturali, che permette di monitorare la diffusione e l’entità del fenomeno nell’ambiente e di valutare l’applicazione di misure sanitarie volte alla riduzione del suo impatto sull’uomo e sugli animali.

Queste attività affiancano ed integrano quelle tradizionalmente svolte dal Centro di referenza nazionale per le salmonellosi, che monitora la sensibilità agli antimicrobici delle salmonelle isolate da animali e uomo, divulgando i risultati di questa attività attraverso la pubblicazione periodica del report Enter-Vet.

A livello diagnostico in sanità animale da diversi anni si è affermata la tecnica della minima concentrazione inibente (MIC) con microdiluizione in brodo per la valutazione dell’efficacia dei principi attivi antimicrobici utilizzati in terapia. Questa metodica è in grado di esprimere un risultato quantitativo sull’efficacia dell’antimicrobico nei confronti del microrganismo target, rispetto alla metodica Kirby-Bauer che invece esprime il risultato esclusivamente in termini qualitativi.

Da gennaio 2017 l’IZSVe ha introdotto la tecnica della MIC nei protocolli diagnostici eseguiti negli animali da reddito, in sostituzione della metodica Kirby-Bauer. Questo nuovo servizio permette di fornire al medico veterinario clinico informazioni più dettagliate e precise per una scelta coscienziosa e documentata del trattamento farmacologico.

Linee guida per la corretta applicazione della MIC

Un documento che presenta i nuovi pannelli diagnostici e dei sistemi di reportistica dell’IZSVe relativi alle analisi della minima concentrazione inibente.

Visualizza PDF >

Report antibiotico-sensibilità pubblico

Report pubblico sui dati relativi alla sensibilità batterica agli antimicrobici raccolti attraverso le attività diagnostiche dell’IZSVe nel Triveneto.

Dettagli >

Report antibiotico-sensibilità per utenti abilitati

Accesso ai report riservati agli utenti abilitati sui dati relativi alla sensibilità batterica agli antimicrobici relativi all’allevamento o all’insieme degli allevamenti seguiti.

Dettagli >

Bibliografia per breakpoint MIC

Elenco dei riferimenti bibliografici dei break point applicati per l’interpretazione dei dati delle MIC in IZSVe.

Dettagli >

Pubblicazioni

Le pubblicazioni scientifiche realizzate dai ricercatori dell’IZSVe sui temi dell’antibiotico-resistenza e dell’antibiotico-sensibilità.

Dettagli >

Materiali di comunicazione

Materiali per la divulgazione scientifica sui temi dell’antibiotico resistenza e dell’antibiotico-sensibilità.

Dettagli >

Ultime news

Linee guida per la corretta applicazione della MIC (minima concentrazione inibente)

Linee guida per la corretta applicazione della MIC

È disponibile l'opuscolo Linee guida per la corretta applicazione della MIC (minima concentrazione inibente), un documento redatto da esperti…

Leggi tutto >

Bovine da latte, strategie per ridurre i rischi di mastite e l’impiego di antibiotici durante il periodo di asciutta

Bovine da latte, strategie per ridurre i rischi di mastite e l’impiego di antibiotici durante il periodo di asciutta

Lo scadente livello igienico della lettiera durante il periodo di asciutta, ovvero il periodo di riposo fra due lattazioni nel ciclo produttivo delle…

Leggi tutto >

Percorso formativo FROV: «L'uso del farmaco negli animali produttori di alimenti»

Percorso formativo FROV: «L’uso del farmaco negli animali produttori di alimenti»

La Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Veterinari del Veneto (FROV) ha organizzato il percorso formativo «L'uso del farmaco negli animali…

Leggi tutto >

Puoi visualizzare tutte le notizie, gli aggiornamenti e gli approfondimenti su questo tema nella sezione “News” del sito, alla pagina News > News per temi > Altri temi > Antibiotico-resistenza e antibiotico-sensibilità

Vai alle news sul tema Antibiotico-resistenza »