Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Ente sanitario di prevenzione, ricerca e servizi per la salute animale e la sicurezza alimentare
Presentazione >
+39 049 8084211

Influenza aviaria: situazione epidemiologica in Europa – HPAI

In questa pagina puoi trovare le informazioni sulla la situazione epidemiologica e le disposizioni adottare dalle autorità competenti durante le emergenze di influenza aviaria in Europa per i virus ad alta patogenicità (HPAI).

2016/2017-H5N8, H5N52015/2016 - H5N1, H5N2, H5N9, H52015 - H7N72014/2015 - H5N8, H5N1

2016/2017 – H5N8, H5N5

Dall’inizio del mese di novembre 2016 molti Paesi europei sono stati interessati da casi di influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI), sostenuti da un virus sottotipo H5N8. Le positività sono state confermate soprattutto nella popolazione selvatica ma anche il settore avicolo sia rurale sia industriale.

Vista la rapida evoluzione della situazione epidemiologica, il 9 novembre il Ministero della Salute ha emanato un provvedimento (DGSAF-MDS-P 0025636) con il quale definisce le misure da adottare a livello nazionale e in particolare per gli allevamenti di avicoli presenti nelle aree umide e nelle zone a rischio.

Di seguito vengono sintetizzate le principali informazioni suddivise per Paese.

08/11/2017 – In data odierna è stata aggiornata la situazione epidemiologica di: i) Svizzera, con un nuovo focolaio nei selvatici; ii) Bulgaria con due nuovi focolai nel pollame domestico; iii) Germania, con un nuovo focolaio nei selvatici; iiii) Italia, con ventuno nuovi focolai nel pollame domestico e quattro nei selvatici.

Riepilogo situazione per ogni Stato al 08/11/2017
Austria (Ultimo aggiornamento: 11/04/2017)
Belgio (Ultimo aggiornamento: 13/07/2017)
Bosnia-Erzegovina (Ultimo aggiornamento: 03/04/2017)
Bulgaria (Ultimo aggiornamento: 08/11/2017)
Croazia (Ultimo aggiornamento: 20/03/2017)
Danimarca (Ultimo aggiornamento: 03/05/2017)
Finlandia (Ultimo aggiornamento: 22/06/2017)
Francia (Ultimo aggiornamento: 03/07/2017)
Germania (Ultimo aggiornamento: 08/11/2017)
Grecia (Ultimo aggiornamento: 03/04/2017)
Irlanda (Ultimo aggiornamento: 13/03/2017)
Italia (Ultimo aggiornamento: 08/11/2017)
Lituania (Ultimo aggiornamento: 11/04/2017)
Lussemburgo (Ultimo aggiornamento: 07/06/2017)
Montenegro (Ultimo aggiornamento: 3/01/2017)
Olanda (Ultimo aggiornamento: 01/06/2017)
Polonia (Ultimo aggiornamento: 03/04/2017)
Portogallo (Ultimo aggiornamento: 03/02/2017)
Regno Unito (Ultimo aggiornamento: 08/08/2017)
Repubblica Ceca (Ultimo aggiornamento: 27/03/2017)
Repubblica di Macedonia (Ultimo aggiornamento: 10/02/2017)
Romania (Ultimo aggiornamento: 21/04/2017)
Serbia (Ultimo aggiornamento: 02/03/2017)
Slovacchia (Ultimo aggiornamento: 03/05/2017)
Slovenia (Ultimo aggiornamento: 03/04/2017)
Spagna (Ultimo aggiornamento: 06/03/2017)
Svezia (Ultimo aggiornamento: 22/05/2017)
Svizzera (Ultimo aggiornamento: 08/11/2017)
Ungheria (Ultimo aggiornamento: 03/05/2017)

2015/2016 – H5N1, H5N2, H5N9, H5

Dal 25 novembre 2015 sono stati confermati alcuni focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità H5N1 e H5N2 in Francia, nel Dipartimento della Dordogna.

Visualizza la mappa dei focolai > (ultimo aggiornamento: 18/08/2016)

Luglio e Agosto 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015

2015 – H7N7

Dal mese di luglio 2015 sono stati confermati alcuni focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità H7N7 in Europa, che stanno interessando Germania e Regno Unito. Clicca nei titoli sottostanti per visualizzare gli ultimi aggiornamenti sulla situazione di ognuno dei Paesi coinvolti.

Visualizza la mappa dei focolai > (ultimo aggiornamento: 04/08/2015)

Germania (ultimo aggiornamento: 26/07/2015)
Regno Unito (ultimo aggiornamento: 13/07/2015)

2014/2015 – H5N8, H5N1

Dall’inizio del mese di novembre 2014 sono stati confermati alcuni focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità H5N8 e H5N1 in Europa, che stanno interessando Germania, Regno Unito, Olanda, Italia, Bulgaria, Ungheria, Svezia e Romania. Clicca nei titoli sottostanti per visualizzare gli ultimi aggiornamenti sulla situazione di ognuno dei Paesi coinvolti.

Visualizza la mappa dei focolai > (ultimo aggiornamento: 31/03/2015)

Bulgaria (ultimo aggiornamento: 11/02/2015)
Germania (ultimo aggiornamento: 26/01/2015)
Italia (ultimo aggiornamento: 16/12/2014)
Olanda (ultimo aggiornamento: 03/12/2014)
Regno Unito (ultimo aggiornamento: 21/11/2014)
Romania (ultimo aggiornamento: 30/03/2015)
Svezia (ultimo aggiornamento: 20/03/2015)
Ungheria (ultimo aggiornamento: 24/02/2015)

© Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Viale dell'Università 10, 35020 Legnaro (PD)
Tel: +39 049 8084211 | Fax: +39 049 8830046
E-mail: comunicazione@izsvenezie.it
PEC: izsvenezie@legalmail.it (Guida alla PEC)
C.F. / P.IVA: 00206200289
Protocollo: lun-ven. 9-13 | giov. 9-13 e 14-15.30